TERRITORIO

Morfologia del territorio

Geologicamente parlando sono presenti due aree ben distinte caratterizzate da rilievi irregolari su ogni versante dell’isola, separati tra loro da un vasto piano centrale. La parte di rilievi più estesa si trova a nord-ovest ed è caratterizzata da 4 cime principali: Pico Castela (437 m), Pico Juliana (447 m), Pico Grandaia (499 m) e il più alto Pico do Facho (517 m). Nella parte a sud-ovest dell’isola le cime sono invece meno pronunciate e si chiamano Pico Ana Ferreira (283 m), Espigao Dos Morenos (270 m) e Cabeco Do Zimbralinho (183 m). In aggiunta a queste due catene montuose sono presenti altrettanti importanti rilievi nella parte est dell’isola: Pico Do Macario (285 m), Pico Do Conselho (324 m) e Pico Branco (450 m). La restante parte dell’isola non raggiunge i 150 m d’altezza, più bassa nella parte sud, che finisce nel mare, rispetto alla parte nord che finisce con alti strapiombi. La spiaggia, il simbolo di Porto Santo, è caratterizzata da sabbia fine e dorata e si estende da Calheta a Penedo per circa 9 chilometri e nel 2012 ha vinto il premio speciale “Spiaggia delle Dune” del concorso le “Nuove 7 Meraviglie – le spiagge del Portogallo”.

Formazione

È comunemente risaputo che Porto Santo è nata da un’eruzione vulcanica circa tre milioni di anni prima della vicina Madeira, e proprio questa formazione ha creato dei rilievi che costituiscono oggi i punti più alti dell’isola. Si suppone che Porto Santo sia il risultato di 3 intense fasi vulcaniche, seguite poi da una di minore intensità. La prima fase ha formato Pico do Conselho, Pico do Facho, Pico Juliana e Ponta da Calheta ed è stata segnata dall’eruzione di basalto, seguita da deposito calcareo con la successiva formazione di fossili marini, mentre la seconda fase ha alterato la precedente configurazione tagliandola a metà e la terza fase si contraddistingue per la spaccatura tra le precedenti formazioni vulcaniche. Questo fenomeno è chiaramente visibile tutt’oggi in diverse zone, ma le rocce più esemplari sono quelle che si trovano nella parte destra lungo la via di discesa verso il punto Morenos. La spiaggia è emersa nel periodo di tranquilla attività vulcanica, durante l’ultima glaciazione quando il livello del mare era più basso, e la sabbia si è generata dalla sgretolazione di un enorme reef di corallo che ha protetto una vasta flora e fauna ed ha originato la bellissima sabbia fine e dorata.

Popolazione

La popolazione residente sull’isola di Porto Santo conta circa 5.400 abitanti ma, nonostante ciò, nel periodo estivo il numero può perfino quadruplicare. I centri principali sono Town Campo, Vila Baleira, Lapeira e Camacha e oltre a questi centri sono presenti ulteriori aree minori come Serra, Dragoal, Pè do Pico, Tacque e Ponta. L’occupazione è principalmente legata al settore terziario, in prevalenza turismo e commercio e le costruzioni civili occupano uno spazio importante, l’attività agricola è gradatamente diminuita concentrandosi solo nella crescita di viti, frutta e verdura. È presente l’allevamento di bestiame e in particolare quello di bovini, capre e pecore.